Lunedì - Venerdì 08:30-19:30Sabato e Domenica - CHIUSO+39 0521 628482info@formesa.itVia Canvelli 6, 43015Noceto (PR)


IL PROLASSO UTERINO

BLOG – PESSARIO

alimentazione-in-menopausa-1200x800.jpg

giugno 30, 2020

L’immaginario collettivo in questo periodo dell’anno vorrebbe la donna, tonica, con una bella pelle abbronzata, in spiaggia o al mare a godersi il caldo. Eppure per alcune non è così. Specie quando si parla di menopausa e l’idea del calore, già di per sé, è sufficiente a provocare vampate di calore e sudorazione.

Le vampate di calore si manifestano come una sensazione di calore intenso che si diffonde per tutto il corpo, in modo particolare sul viso e sul collo. Alla vampata si accompagnano rossore della pelle, che a volte può risultare calda al tatto, e alcuni minuti di sudorazione diffusa, seguita poi da una sensazione di spossatezza e brividi di freddo. Alcune donne manifestano vampate occasionali, con scarso impatto sulla qualità di vita, mentre altre possono andare incontro a 20 o più episodi al giorno, percependole come ostacoli alla vita di tutti i giorni.

Certamente la prima persona di riferimento, quando si parla di menopausa, è il nostro ginecologo, ma un valido aiuto può arrivare anche dalla nostra dieta e dall’esercizio fisico e mentale.

Alimentazione mirata, dunque, perché sembra che l’eccesso di proteine animali, zuccheri e carboidrati favorisca la comparsa delle vampate. Viceversa consumare alimenti che contengono gli isoflavoni, una sorta di estrogeni vegetali dall’azione simile agli ormoni femminili, aiuta a tenere sotto controllo l’insorgere di questi disturbi. Non a caso le donne orientali, che sono grandi consumatrici di soia (nella quale sono presenti buone quantità di fitoestrogeni), sono poco soggette ai malesseri della menopausa. È interessante, infatti, notare che le vampate di calore non sono comuni nei Paesi asiatici. Le donne giapponesi ad esempio non sanno letteralmente cosa siano le vampate di calore. Nel vocabolario nipponico manca una parola per descriverle.

I cibi ricchi di fitoestrogeni – come soia e derivati – possono inoltre ridurre il rischio di disturbi cardiaci e di tumori al seno. Oltre ad avere una minor incidenza di vampate, le donne giapponesi che seguono una dieta tradizionale, presentano minori casi di carcinomi mammari. Ma va detto anche che l’alimentazione giapponese è povera di cibi industriali raffinati e ricca di alghe marine ad alto contenuto di sali minerali e di olio di pesce fresco, che comportano effetti benefici importanti. È interessante notare che, quando le donne giapponesi seguono una dieta più occidentale, l’incidenza di disturbi cardiaci e tumori aumenta.

Qui in Italia, gli alimenti che contengono fitoestrogeni sono: anacardi, arachidi, avena, mais, grano, mele, mandorle, lenticchie, fagiolini e melagrana. Anche lo stile di vita va tenuto sotto controllo e, nel caso, modificato. Stress? Da allontanare immediatamente.

ok

Tutti i contenuti del sito di For.me.sa. S.r.l. devono intendersi e sono di natura esclusivamente informativa; volti esclusivamente a portare a conoscenza i clienti e i potenziali clienti delle caratteristiche dei prodotti For.me.sa. Tutti i marchi citati sono Marchi Registrati® di proprietà delle rispettive case produttrici.

Certificazioni

REG. N. 3685-A UNI EN
ISO 13485:2012

certificati33

Copyright ® for.me.sa srl 2020. P.IVA IT01714420344